Castello Di San Leo

Le origini risalgono all'epoca dellle guerre tra Goti e Bizantini (VI secolo). La fortezza fu oggetto di contesa fino al 1441, quando fu conquistato da Federico da Montefeltro.

Oggi, la rocca, ripulita dalle sovrastrutture ottocentesche che ne alteravano le eleganti linee rinascimentali, è tornata al suo splendore architettonico che ne fa una delle più celebrate testimonianze di arte militare. La vista che di qui si gode è delle più esaltanti: si spazia dal Monte Fumaiolo al Mare Adriatico su un paesaggio tutto boschi, picchi rocciosi, calanchi, e costellato di rocche, borgate e case rurali. Nel tessuto urbano del centro storico, di impronta seicentesca e ben conservato, emerge inoltre un complesso monumentale di carattere religioso, unico nel suo genere, che fa di San Leo una vera "città d'arte"Il Castello ideato da Francesco di Giorgio Martini sembra essere tuttuno con il masso che lo sostiene, aumentando così la potenza difensiva. Con lo Stato pontificio divenne un carcere nelle cui celle venne rinchiuso sino alla sua morte il Conte di Cagliostro, noto per i suoi esperimenti alchimistici.
Oggi all'interno del Castello Di San Leo  si trova una mostra permanente di armi, armature, oggetti di vita medievale, laboratorio degli esperimenti di Cagliostro e le celle di altrettanti famosi qui reclusi

Guarda il video del parco
Guarda le indicazioni stradali